NFT: la decisione del Tribunale di Roma che estende la tutela del marchio e dei diritti della Juventus al Metaverso

Edoardo Cesarini


Con ordinanza cautelare del 20 luglio 2022, il Tribunale di Roma ha accolto il ricorso proposto dalla Juventus Football Club S.p.A. inibendo alla società resistente la produzione, commercializzazione e promozione degli NFT (non-fungible token) recanti la fotografia di un giocatore (Christian Vieri) con indosso una maglia della Juventus  e ordinandone il ritiro dal commercio, con la fissazione di una penale per ogni violazione o giorno di ritardo nell’esecuzione del provvedimento.


Il Giudice, in particolare, ha rilevato che una simile utilizzazione dei marchi non può essere giustificata dall’interesse a pubblicare l’immagine dell’atleta in considerazione della sua notorietà, dal momento che la diffusione non era finalizzata a scopi scientifici o didattici ma perseguiva finalità prettamente commerciali.


All’obiezione della resistente secondo cui le registrazioni dei marchi Juventus non includerebbero gli oggetti digitali certificati da NFT, il Tribunale ha replicato sottolineando come – in realtà – le stesse menzionano espressamente anche le “pubblicazioni elettroniche scaricabili”.


Nel merito, dunque, la condotta della resistente – per come è stata valutata dal Giudice – ha integrato non solo una contraffazione dei marchi in oggetto concretizzando un rischio di confusione per i consumatori, ma anche un atto di concorrenza sleale in considerazione dell’uso non autorizzato di marchi altrui e dell’appropriazione di pregi collegati agli stessi.


La decisione, non impugnata, è la prima pronuncia di un Tribunale europeo a riconoscere una violazione di marchio nella sua riproduzione non autorizzata all’interno di NFT. 


Tuttavia, considerata la proliferazione dei prodotti digitali in questione e la sempre maggiore attenzione dedicata a questi dai media, non sembrano esserci dubbi sul fatto che ben presto seguiranno molteplici provvedimenti chiamati a dirimere controversie della stessa natura.

Comments are closed.