Marchi+3, alle PMI finanziamenti per registrare marchi all’estero

Il bando Marchi+3 finanzia fino al 90%  delle spese sostenute dalle imprese per registrare marchi all’estero

Il Bando Marchi+3 prevede la concessione di agevolazioni alle micro, piccole e medie imprese per la registrazione di marchi dell’Unione Europea e di marchi internazionali.

Le misure agevolative sono due:

Misura A – registrazione di marchi dell’Unione Europea presso l’Ufficio dell’Unione Europea per la Proprietà Intellettuale.

Misura B – registrazione di marchi internazionali presso L’Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale (OMPI).

Chi può partecipare al bando Marchi+3

Possono presentare domanda le micro, piccole o medie imprese che abbiano:

– sede legale e operativa in Italia;

– effettuato a decorrere dal 1 giugno 2016 e comunque in data antecedente alla presentazione della domanda di agevolazione, almeno una delle seguenti attività:

– deposito di domanda registrazione presso l’EUIPO di un marchio e pagamento delle tasse di deposito.

– deposito domanda di registrazione presso l’OMPI di un marchio già registrato a livello nazionale presso L’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi (UIBM) o di un marchio dell’Unione Europea registrato presso EUIPO e pagamento delle tasse di deposito;

deposito domanda di registrazione presso OMPI di un marchio per il quale è già stata depositata domanda di registrazione presso UIBM o presso EUIPO e pagamento delle tasse di deposito;

– deposito domanda di designazione successiva di un marchio registrato presso OMPI e pagamento delle tasse di deposito.

Risorse disponibili

Il Bando Marchi +3 dispone di risorse complessive per 3.825.000 euro.

Spese ammissibili e importi massimi

– la progettazione del marchio;

– l’assistenza per il deposito effettuata da un consulente in proprietà industriale iscritto all’Ordine dei consulenti in proprietà industriale o da un avvocato;

– ricerche di anteriorità;

– l’assistenza legale per azioni di tutela del marchio in risposta a opposizioni/rilievi seguenti al deposito della domanda di registrazione.

Ciascuna impresa può presentare, sia per la Misura A che per la Misura B, più richieste di agevolazione fino al raggiungimento del valore complessivo massimo di 20.000 euro.

Comments are closed.